Come investire i risparmi oggi senza rischi, anche a lungo termine

Come investire i propri risparmi senza rischi: cos’è l’investimento sicuro e quali rischi evitare

Come investire i risparmiAl giorno d’oggi sono sempre di più le persone che scelgono di affidare il proprio denaro ad investimenti di vario tipo: complice la crisi economica ed anche il fatto che la disoccupazione, purtroppo, ha raggiunto livelli molto importanti, chi ha un gruzzoletto da parte molto spesso cerca di farlo fruttare, in maniera da poter far crescere i propri risparmi ed avere così qualcosa di sicuro per le emergenze.

C’è però da dire che, sebbene sia cresciuto il numero di persone che cerca di ottenere un congruo guadagno dagli investimenti (per esempio in diamanti o in startup), è anche vero che molto spesso ci sono ansie e paure legate proprio a questo genere di azioni che possono, se non fatte nel modo giusto, generare ulteriore crisi, anche maggiore rispetto a quella di partenza. Se hai 100 euro in tasca e decidi di investire questi soldi nella speranza che essi raddoppino, devi sapere che c’è il rischio che questo non accada ed è normale anche cercare di evitare il peggio, ossia che oltre a non raddoppiare, l’investimento iniziale possa in qualche modo volatilizzarsi nel nulla.

Fatte queste premesse, è normale quindi pensare ad un impiego delle proprie somme di denaro che non sia rischioso e che non si converta nella perdita del capitale iniziale. Ma come si fa a fare in modo che i propri soldi, magari risparmiati per una vita intera, non vengano perduti ma possano invece rendere un guadagno anche sul lungo termine?

Come investire i propri risparmi senza rischi cos'è l'investimento sicuro e quali evitareAl giorno d’oggi ci sono moltissime azioni finanziarie, pubblicizzate o meno, che possono essere fatte proprio per consentire a chi investe di essere ripagato, nel futuro, da un premio finale in denaro. Proprio perché le azioni economiche sono tante e variegate, può essere però difficile sapersi districare tra tutte le tipologie che oggi il mercato offre, e bisogna anche tenere in conto l’aspetto “rischio”: insomma, andarci con i piedi di piombo è veramente importantissimo.

Quando si parla di sicurezza, ovviamente, la prima cosa a cui si pensa è il blocco del capitale, che deve essere sempre garantito ed assicurato, qualsiasi cosa succeda. È molto importante tenere in considerazione quest’aspetto se si decide di investire i propri soldi in un libretto, in un’assicurazione, in una pensione, insomma, in qualcosa che abbia come oggetto la garanzia di far lievitare il denaro investito. Sicurezza significa, sostanzialmente, che male che vada non si va a perdere il capitale inizialmente investito e che, nel migliore dei casi, anzi, alla fine del contratto ci si ritroverà con un gruzzoletto maggiorato, che potrà essere recuperato del tutto oppure nuovamente impiegato per fare lo stesso procedimento.

Farsi supportare da persone qualificate nel settore è importante per evitare di incorrere in inganni, truffe, o comunque in qualcosa che potrebbe essere dannoso o pericoloso per il proprio capitale. Il rischio principale è quello di perdere tutti i propri soldi, magari proprio per eccesso di zelo o per essersi fatti ingannare da false promesse.

Come investire i risparmi oggi: cosa sapere prima di iniziare

Come investire i risparmi oggi cosa sapere prima di iniziareSe hai un gruzzoletto che hai risparmiato per molto tempo, per il quale ovviamente hai faticato molto oppure hai fatto tanti sacrifici, è normale che tu voglia sapere come impiegare questo denaro nel modo migliore possibile. Ed il modo migliore possibile è proprio quello di agire cercando di sapere esattamente da quale parte cominciare.

Chiaramente, viste le prospettive, è bene sapere che esistono molti metodi per impiegare il proprio denaro in modo sicuro, senza rischi ed anche avendo buone opportunità per sentirsi ripagati concretamente da questa azione. Un tempo gli unici metodi erano quelli di impiegare i propri soldi in buoni e libretti, che fruttavano denaro alla fine del contratto, ma oggi come oggi esistono moltissimi altri metodi utili, sia per il lungo periodo che a breve termine.

Oltre ai metodi già citati, quindi, non dimentichiamo gli investimenti nel settore immobiliare, che sono molto redditizi e soprattutto garantiti, oppure sul mercato azionario, o ancora, per esempio, prestando il proprio denaro ad aziende che hanno bisogno di soldi. Quest’ultimo tipo di messa a frutto dei propri risparmi può essere molto utile ed intelligente, al giorno d’oggi, perché consente di ottenere interessi pari anche al 10% , con vantaggi facilmente immaginabili dal punto di vista economico: in sostanza, si prestano soldi ad aziende grandi o piccole, per consentire all’imprenditore che ha appena iniziato a concretizzare il suo progetto, facendo in modo che esso frutti del denaro, che sarà chiaramente funzionale anche per colui che ha prestato i suoi soldi per questo progetto. Il vantaggio è in questo caso doppio, perché da un lato l’azienda evita di dover far riferimento a banche ed istituti di credito (che chiederebbero garanzie probabilmente maggiori, e che avrebbero anche dei tassi di interesse più elevati) e dall’altro lato l’investitore può sfruttare una concreta occasione di guadagno senza interpellare la banca.

Tuttavia, è bene sapere che questo metodo, innovativo ed interessante, può essere rischioso: va fatto quindi con consapevolezza, partendo da cifre non molto alte e soprattutto diversificando il numero ed il tipo di aziende.

Come fare per il lungo termine

Come fare per il lungo termineL’esempio che abbiamo portato all’attenzione del lettore è sicuramente vantaggioso ed interessante, e può esserlo sia per il lungo termine che a beve termine. Infatti, esso permette di ottenere ottime prospettive di guadagno anche spalmate nel tempo, se la messa a frutto del denaro viene fatta, come abbiamo detto, con tre utilissimi punti di attenzione, ossia:

1.      Agire con buonsenso e consapevolezza

Cioè partendo dal presupposto che l’azienda può essere concretamente finalizzata a crescere, oppure può rivelarsi un flop. Non si può avere ovviamente la certezza del risultato finale, ma è possibile abbassare di molto il rischio, per esempio informandosi bene sul progetto, e conoscendo il mercato in cui esso va integrato, per capire in maniera concreta quali siano le prospettive di successo o di fallimento.

2.      Investendo piccole cifre

È chiaro che, se hai 1000 euro e decidi di impiegare tutti questi soldi in un solo progetto, puoi avere la fortuna che esso frutti effettivamente un 10%, ma puoi anche avere il rischio di perdere il tuo capitale iniziale. Ecco perché è meglio impiegare una piccola parte della tua somma iniziale (che in questo caso potrebbe essere, per esempio, 100 euro), pensando piuttosto a diversificare la messa a frutto del tuo denaro.

3.      Diversificare la messa a frutto dei propri soldi

Se, di questi 1000 euro che hai deciso di mettere a disposizione per ottenere un guadagno finale, decidi di diversificare l’azione finanziaria spalmando i tuoi soldi in dieci aziende diverse, avrai maggiori probabilità di successo e minori rischi finali.

Tra gli altri metodi sul lungo termine, ricordiamo ad esempio le assicurazioni sulla vita o le pensioni, che permettono di raccogliere del denaro nel corso degli anni e, quindi, di poter attingere, quando sarà necessario, da questo gruzzoletto per soddisfare le proprie esigenze e necessità. Inoltre, molti prodotti finanziari di questo tipo permettono non solo di mettere da parte del denaro, ma anche di fare in modo che il capitale possa essere messo a frutto nel tempo.

Tipologie: btp, conti deposito, etf, peer-to-peer lending

Tipologie tra btp, conti deposito, etf, peer-to-peer lendingTra i vari tipi di capitalizzazione del denaro messo da parte ricordiamo, inoltre:

1.      BTP

Si tratta di Buoni del Tesoro Poliennali, specifico tipo di buoni del tesoro che vengono emessi periodicamente e che sono in genere stabiliti a lungo termine, con scadenze variabili,  pari a 3, 5, 7,10, 15 e 30 anni, e con taglio minimo di 1000 euro.

2.      Conti deposito

Chiamati anche conti di liquidità, essi sono dei veri e propri contratti bancari simili ai conti correnti, ma limitati, che consentono di  contenere, appunto, il proprio denaro, anche con funzione di messa a frutto a breve termine.

3.      ETF

Il nome completo è exchange-traded fund, e sono un tipo di fondi d’investimento quotati in borsa, a cosiddetta gestione passiva, in quanto sono associati ad un indice azionario preesistente.

4.      Peer-to-peer lending

Metodo innovativo ed alternativo, esso consiste nel prestare i propri soldi a privati cittadini online, usufruendo di piattaforme dedicate, ovvero siti di aziende che si occupano di social lending, e quindi allontanandosi dai canali tradizionali, con i pro e i contro che ne possono derivare.

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin