Conviene investire in oro: pro e contro dell’oro fisico e finanziario

Conviene investire in oroCollocare in un progetto utile ed interessante il proprio denaro sapientemente risparmiato e messo da parte per far sì che esso  frutti nel tempo è oggi una strategia che molte persone adottano nella speranza di ottenere un gruzzoletto per far fronte ad emergenze o comunque per sentirsi più tranquille dal punto di vista economico. Questa situazione vale ancor di più, al giorno d’oggi, se consideriamo soprattutto il fatto che sempre meno persone hanno un lavoro fisso e quindi un impiego stabile e duraturo, con una rendita sicura nel tempo: pertanto, oltre alle figure che un tempo erano note per essere dei veri e propri conoscitori del settore, si sono aggiunti oggi degli investitori in qualche modo improvvisati, che cercano di conoscere al meglio le varie strategie e sfruttarle per ottenere un rendiconto importante.

Tra i vari metodi messi a punto per questi progetti, vi sono sicuramente tecniche tradizionali e tecniche più innovative: le prime rappresentano sostanzialmente un porto sicuro in cui ogni investitore prima o poi approda; le seconde, però, contengono in sé il germe del successo e se, ben utilizzate, possono rappresentare non solo un’aggiunta ma anche un’alternativa alle più tradizionali.

Per quanto riguarda le strategie più in uso da largo tempo, ricordiamo per esempio l’acquisto di oro, che per lungo tempo è stato considerato un bene sicuro, in quanto non soggetto all’inflazione ed alle conseguenze delle tempeste finanziarie che invece coinvolgono i liquidi. Proviamo quindi a rispondere ad alcune domande, per esempio a quella relativa alla convenienza effettiva di acquistare lingotti d’oro; è normale, vista la presenza di numerose strategie anche più innovative, chiedersi se valga ancora la pena fare un investimento del genere, e quali siano eventuali svantaggi e vantaggi di questa operazione, con le relative tassazioni in merito. Cerchiamo di rispondere, nei prossimi paragrafi, a questi dubbi e perplessità.

Comprare e investire in oro conviene: i vantaggi di comprare lingotti d’oro

Comprare e investire in oro conviene ecco i vantaggi dei lingottiCi sono molte differenze tra questo tipo di strategia per mettere a frutto il proprio denaro ed altri metodi. Il primo, e chiaramente anche quello più immediatamente visibile e comprensibile, è che si tratta di una materia prima fisica, quindi, che ti accompagna per tutto il tuo percorso, e che può essere tenuto in mano. Inoltre, non è soggetto ad alcuna forma di inflazione, sebbene possa essere in qualunque momento convertito in contatti (e questo è un vantaggio da non tenere sottogamba, specialmente se vogliamo essere sicuri di avere la possibilità di avere del denaro immediato per far fronte ad un’emergenza) e quindi non po’ essere distrutto, né da fuoco, né da acqua, né dal tempo. Insomma, rappresenta una fonte di ricchezza sicura, che sopravvive a qualsiasi valuta (e che quindi può essere trasferita ad un erede, allo stesso valore e senza rischi).

Ma perché, nello specifico, dovrebbe essere conveniente proprio il lingotto? Principalmente, lo è per i seguenti motivi:

1.       È meno costoso della moneta

Questo avviene per un semplice motivo: è un blocco, che quindi non è stato soggetto a disegni o lavorazioni che hanno richiesto tempo e manodopera. Pertanto, è più economico di una qualsiasi moneta d’oro;

2.      Può essere conservato facilmente

Pertanto, può essere stoccato in modo facile, e non richiede moltissimo spazio, anche a parità di peso rispetto alle monete. Un metodo interessante per avere a portata di mano una fonte di ricchezza che è in grado di dare tanto, chiedendo veramente poco.

3.      Comporta l’attestazione di tutti i vantaggi generali della conservazione dell’oro

Quindi, acquistare questo metallo prezioso sotto forma di moneta o di altro, non comporta la perdita del suo valore né dei vantaggi che la sua conservazione permette di avere. Può essere facilmente trasportabile, è immediatamente disponibile e può essere convertito in denaro in caso di emergenza, e rappresenta una fonte di ricchezza veramente sicura. Pertanto, conviene sempre prendere seriamente in considerazione questo metodo qualora si abbia la possibilità di fare un investimento del genere.

Investire in oro pro e contro

Investire in oro pro e controAbbiamo già lungamente e adeguatamente parlato dei vantaggi relativi alla messa a frutto del proprio denaro acquistando questo metallo prezioso senza tempo, che non conosce usura, e che non è sottoposto ad alcuna tempesta finanziaria o alle sue conseguenze. Molto simile a questa scelta vi è quella di investire in diamanti. Esso può essere acquistato, conservato in modo sicuro, e riconvertito in qualunque momento, per esempio qualora sia necessario affrontare una spesa improvvisa, un’emergenza di salute, oppure sostenere le spese universitarie per il figlio. Inoltre, poiché non perde il suo valore nel tempo, può essere anche messo in eredità essendo sicuri di lasciare un bene veramente prezioso e durevole.

Viene da chiedersi se ci siano però anche degli svantaggi in questa scelta.

È considerato il bene rifugio per eccellenza, però vale sicuramente la pena soffermarsi anche su aspetti che magari non sempre sono presi in considerazione (e che invece meriterebbero una certa attenzione). Infatti, vi sono anche dei contro per chi decide di pianificare un progetto di investimento attraverso l’acquisto e la conservazione di questo bene.

Prima di tutto, occorre specificare che esso è adatto a chi intende mettere a frutto il proprio denaro attraverso un progetto a lungo termine, ma se il proprio piano è di breve durata, non ha senso perdere tempo con questo genere di capitalizzazione.

Inoltre, è un bene sicuro contro l’inflazione al ribasso (che è quella pericolosa in quanto comporterebbe la perdita dell’intero capitale) ma non lo è contro quella al rialzo: il suo valore, in sostanza, rimane sempre uguale nel tempo.

Bisogna infine considerare anche le spese collaterali, che possono influire sul rendimento nel tempo.

Conviene investire in oro fisico o finanziario: tassazioni

Tassazioni fisico e finanziarioTra gli aspetti che occorre tenere in considerazione vi è quello delle tasse, un tema sicuramente recente e che vale la pena di approfondire proprio per correttezza di informazione veramente completa ed esaustiva. Infatti, nel nostro paese è possibile acquistare e vendere oro da investimento per residenti solo con la legge n.7 nel gennaio del 2000, e per evitare problemi o di incorrere in situazioni non particolarmente felici sarebbe bene conoscere questa legge e capire quali siano le conseguenze delle nostre azioni.

Questo metodo è una interessante strategia per investire ma è anche soggetto ad alcune regole. Affidarsi ad un consulente legale potrebbe essere un ottimo metodo per evitare rischi e sanzioni dovute alla scarsa conoscenza delle leggi in merito (e quindi anche per sentirsi adeguatamente tutelati).

È bene chiarire che non vi è tassazione sul possesso, ma c’è una regola fondamentale che deve essere seguita: infatti, è necessario, per essere a norma di legge, dichiarare il possesso all’UIF (Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia) entro la fine del mese successivo alla compravendita se il valore è pari o superiore ai 12.500€. Nel caso in cui però un privato decidesse di venderlo, il guadagno maggiorato che eventualmente deriverebbe dalla sua operazione (che si chiama plusvalenza) è soggetto al pagamento di una imposta con una aliquota del 25%; va da sé che la conservazione della fattura d’acquisto gioca un ruolo determinante, perché è prova del prezzo di acquisto e contestualmente può determinare l’importo della plusvalenza su cui verrà calcolata la tassa.

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin