Gli Emirati Arabi Uniti sono stati classificati come il secondo paese più sicuro tra i 134 paesi del mondo.

Gli Emirati Arabi Uniti sono stati classificati come il secondo paese più sicuro tra i 134 paesi del mondo nel 2021 in un nuovo rapporto.

L’alta classifica degli Emirati Arabi Uniti può essere attribuita al suo robusto settore sanitario e alla campagna di vaccinazione Covid-19. Gli Emirati Arabi Uniti sono oggi la nazione più vaccinata al mondo, con il 64,3% dei residenti completamente vaccinati contro il coronavirus.

L’indice tiene conto di tre fattori fondamentali – guerra e pace, sicurezza personale e rischio di disastri naturali. Comprende anche i fattori di rischio unici derivanti dalla pandemia di Covid-19.

A livello globale, l’Islanda è stato classificato come il paese più sicuro, seguito rispettivamente dagli Emirati Arabi Uniti, Qatar, Singapore, Finlandia, Mongolia, Norvegia, Danimarca, Canada e Nuova Zelanda.

L’indice della rivista Global Finance dei paesi più sicuri del mondo ha classificato anche gli altri paesi del Golfo. Il Qatar si è classificato 3º, il Bahrain 12º, il Kuwait 18º, l’Arabia Saudita 19º e l’Oman 25º.

Tra gli altri paesi significativi, l’Australia si è classificata 11º, la Svizzera 14º, il Giappone 22º, la Cina 26º, il Regno Unito 38º, l’Egitto 65º, gli Stati Uniti 71º, l’India 91º e il Pakistan 116º.

Filippine, Colombia, Guatemala, Nigeria, Bosnia ed Erzegovina, Brasile, Messico, Perù, Yemen e Macedonia del Nord si sono classificati in fondo.

“I paesi con gravi conflitti civili che hanno alti rischi da un disastro naturale come le Filippine, Nigeria, Yemen e El Salvador hanno riferito tutti relativamente bassi pedaggi di morte da Covid-19, ma ha funzionato male in termini di sicurezza nel complesso,” Global Finance ha detto.

“La brutale guerra civile dello Yemen e l’alto tasso di omicidi di El Salvador (il più alto in America Latina) compensano qualsiasi miglioramento nella classifica della sicurezza perché evitano lo scenario peggiore che circonda Covid-19.”

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin